• La filosofia.

La filosofia Nada

Racchiudere in una bottiglia di vetro l’integrità dei profumi e dei sapori di questa terra generosa, è stata l’idea di Bruno Nada nel 1982.
Una felice intuizione di un pioniere, più che mai attuale oggi.

Con la stessa idea di portare nel bicchiere la purezza stilistica di ciascuna vigna, oggi come allora, coltiviamo le nostre viti attraverso:

L’amore ed il rispetto della terra, quindi:

  • nutrizione naturale del suolo.
  • esaltazione della biodiversità attraverso l’inerbimento naturale.
  • non utilizzo di erbicidi ed altri prodotti invasivi per la cura dei vigneti.
  • riscoperta di pratiche antiche, quali la zappatura a mano delle viti.

L’amore per il vino di ogni singola vigna:

  • Grande attenzione alla quantità ottimale di uva prodotta da ogni singolo ceppo.
  • Vendemmia manuale a maturazione perfetta, senza fretta, di uve esclusivamente di proprietà.
  • Vinificazioni separate di ogni singola parcella.
  • Pigiatura soffice dei grappoli.
  • Fermentazione naturale, senza aggiunta di lieviti con tempi di macerazione dettati dal suo ciclo naturale, senza forzature.
  • Lungo affinamento dei vini, prima in legno e poi in bottiglia senza filtrazioni.

La filosofia.